• 20160726_162416 (6).jpg
  • gruppi.jpg
  • microfoni.jpg
  • Musica-1.jpg
  • Musicoterapia-salute-e-benessere.jpg
  • musicoterapia.jpg
  • musicoterapia_2.jpg

Centro Educazione Permanente

La scuola di Musicoterapia di Assisi è espressione della Pro Civitate Christiana, associazione laicale che tra le sue finalità ha quella della formazione, finalizzata alla liberazione dell'uomo.

Gli ambienti utilizzati per tutte le attività della scuola sono adeguati, anzi qualificati, come risulta dalle immagini inserite, meglio ancora sarebbe una visita in loco.

 

Due ricordi personali che si uniscono al più ampio ricordo che tutta la Scuola di Musicoterapia di Assisi, tutti i suoi docenti e tutti i suoi allievi, vogliono fare a Gino Stefani.


gino stefaniRICORDARE GINO STEFANI

 

Quel giorno eravamo andati insieme a Genova per un convegno. 
Essendo l’ora di desinare andammo a cena e, con grande sconcerto della ristoratrice, Gino Stefani per sé ordinò pane e vino. Era sobrio nel corpo; francescano. 
Lo fece per un atto di cortesia nei miei confronti e per farmi compagnia, perché se fosse stato per lui non avrebbe avuto bisogno di cenare.

Come avvenuto durante il viaggio, come avveniva sempre nei viaggi verso Assisi per il Corso di musicoterapia, o a casa sua, mi parlò dell’abduzione e della competenza musicale comune. Spesso ci vedevamo, a quel tempo, e la sua costante preoccupazione era coinvolgermi per trasformare le mie competenze ‘specialistiche’ in competenze umane. Il dialogo era sempre molto fitto, impegnativo, affascinante. Provò a spiegarmi come l’incontro  tra l’uomo e la musica, o l’esperienza musicale, o il suono, producessero senso. Mi parlava dei suoi libri: quello sugli intervalli, sulla melodia, sul ritmo, spesso accompagnando gli esempi al pianoforte, cantando Schubert su un giro di Paoli o Paoli su un giro di Schubert, e spiegandomi in tal modo le prove di commutazione.

Una volta volle provare il mio clarinetto, era un Selmer, ma lo trovò stonato, lui che aveva l'orecchio assoluto. Mi consolò suggerendomi una diteggiatura alternativa.

Mi rimproverava perché il mio pensiero si rivolgeva alla mente degli ascoltatori. Non mi giudicava, sembrava solo lo constatasse, ma aveva ragione.

Poi, un giorno, le nostre strade si divisero, più per una incomprensione dovuta ai nostri rispettivi caratteri, che non per divergenze su contenuti.

Da allora il rapporto con l’uomo mi è sempre mancato, ma quello con il pensatore mi ha sempre accompagnato. 

Del resto, come amava ricordare Angelo Paccagnini: I suoi allievi - che Angelo come docente al Conservatorio e poi come direttore spesso incontrava - erano sempre preparatissimi.


Pier Luigi Postacchini

Bologna 9 aprile 2019

Ho vissuto con Gino anni e anni, tutto il periodo della sua presenza al Conservatorio Rossini di Pesaro, giravamo le Marche per dar vita a un progetto per lui molto caro: Dare alla gente la parola sulla musica. Era per Gino, e lo divenne subito anche per noi tutti suoi studenti, amici e collaboratori, un imperativo forte, deciso, era un tema-problema di alto valore democratico. Era l’Homo Musicus, quello delle musicalità più comuni e quotidiane, quello presente in tutti gli esseri umani, che doveva pro-muoversi e ri-emergere soprattutto nelle sue ricerche di semiologica musicale. Ricerche, indagini, saggi e pubblicazioni che lo resero unico e originale, e sempre più noto a livello europeo.

Le mie prime pubblicazioni fatte assieme a Gino, alla Johannella Tafuri e alla Franca Ferrari, nascevano sempre da dialoghi, dibattiti, indagini, prove, confronti, analisi musicali tutte cariche di quella pertinenza e priorità che ti imparavano a raddrizzare il pensiero, a scoprire ciò che davvero aveva senso in tutte le pratiche musicali umane.

Con Gino passare un’ora, un giorno, un mese, un anno e tanti anni ancora era un costante esercizio utile per uscire dalla propria mente musicale e andare alla ricerca delle altre menti musicale, confondersi con queste per rileggerle in termini semiologici e non solo, per dar vita a quella che lui definiva con i termini di Musica con coscienza, di Competenza musicale di base, ecc. Tutti importanti concetti che poi ha materializzato in importanti pubblicazioni. E la sua vita di semiologo e creativo analizzatore è una ricca e brillante costellazione di pubblicazioni che ora non è il momento per indicare.

L’antropologa americana Nancy Sheper Hugues ha definito l’essere umano con questo termine: Mindful Body, intendendo così l’essere umano come una mente piena di corpo o un corpo pieno di mente. Ecco, tutti quei tanti anni che sono stato accanto a Gino ho avuto davvero l’impressione di essere davanti a una mente piena di corpo: tutto quello che conosceva lo traduceva in esperienza diretta, tutto quello che sapeva fare in musica lo sintetizzava in teoria. Insomma Gino era una persona davvero sorprendente.

Queste poche righe non vogliono essere il rimpianto di una perdita, ma il ricordo felice di un ricco dono ricevuto dall’uomo Gino. Un amico che amorevolmente mi diceva a quattrocchi: Vedi Maurizio non possiamo andare davanti alla gente comune per insegnar loro la musica; dobbiamo andare davanti alla gente comune per dire cose che permettano a loro di capire che la musica la sanno già!

Grazie Gino

Maurizio Spaccazocchi

Urbania 9 Aprile 2019

Questi due ricordi personali sono solo un piccolo pensiero che si unisce al più ampio ricordo che tutta la Scuola di Musicoterapia di Assisi, tutti i suoi docenti e tutti i suoi allievi vogliono fare a Gino Stefani.           

Pasqua 2019

La Scuola di Musicoterapia augura a Docenti, diplomati ed allievi di vivere in pienezza i giorni di questa Settimana Santa in attesa di una Pasqua di Resurrezione e di pace per tutto il mondo.

News

Iscriviti al corso di MT

triangolo_bicolore

Esami e Tesi di Diploma

stella

Modulo d'iscrizione

quadrato

Calendario Attività

cerchio

La struttura

La struttura offre la possibilità di usufruire di eventuale ospitalità di pernottamento, pensione parziale, completa o singoli pasti.

Ciò in quanto la frequenza del Corso richiede la presenza fissa.

Per informazioni e prenotazioni:

Tel. 075.813231
www.cittadelladiassisi.it
ospitalita@cittadella.org

Giornata della Musicoterapia

Il 15 novembre si celebra la Giornata Europea della Musicoterapia, proclamata  nel 2014 dall'EMTC (European Music Therapy Confederation) con l'obiettivo di far conoscere e promuovere la Musicoterapia. 

Con questo scopo, in molte sedi italiane, nel periodo 10-22 novembre verranno svolte numerose iniziative, 

formative e informative, organizzate da professionisti della Musicoterapia.

Quest'anno gli eventi avranno come tema "Music move me", dopo che negli anni scorsi ci si è concentrati su " The rythm of life", Let's play", Sounds of change", "Hearing your voice".

L'intento primario è di rendere sempre più visibili le proposte di Musicoterapia presenti sul territorio - la cui efficacia viene sempre più e da più parti riconosciuta -, in particolare le esperienze nei reparti pediatrici di chirurgia, oncologia, ematologia.